Che cos'è

Impianto di conversione di biomassa in Syngas finalizzato alla produzione di energia elettrica.

Che cosa fa

Attraverso un processo di pirogassificazione, converte biomassa di origine agro-forestale in Syngas poi convertito in energia elettrica e termica.

Come lo fa

E’ un gassificatore altamente innovativo di tipologia downdraft a letto fisso,  onnivoro, a camera aperta in grado produrre Syngas privo di catrami.

SITE Spa

SITE S.p.A. da anni promuove e sviluppa sistemi per la produzione di energia da fonti rinnovabili e per il risparmio energetico. E’ produttrice e proprietaria del brevetto Pirogass.

Dimensioni

Al netto del contenitore di stoccaggio e della carica del combustibile, che verranno realizzate nelle dimensioni richieste dal cliente, in base all’autonomia desiderata, l’impianto risulta molto compatto ed è contenibile in meno di 250 m² (esclusa l’area di stoccaggio)

Il processo di pirogassificazione avviene a camera aperta, in condizioni di leggera depressione all’interno del reattore catalitico

La produzione di Syngas non subisce interruzioni dovute al caricamento della biomassa.

  • SICUREZZA

L’innovativo processo di cracking e di raffreddamento sviluppato da SITE, permette la produzione di un Syngas nativamente privo di catrami (TAR).

La percentuale di Residuo Carbonioso e Ceneri (CHAR) contenuta nel Syngas Pirogass è inferiore all’1%.

Il sistema di filtraggio è meno complesso, meno soggetto ai catrami, più duraturo dei classici filtri a maniche. Garantisce la continuità di funzionamento del motore, fondamentale per l’ottenimento del ROI sull’impianto.

Maggiore rendimento energetico della biomassa (a parità di kw/h sono necessari meno kg/h di biomassa).

  • PRODUZIONE ENERGETICA

L’impianto consente l’utilizzo di biomasse con una percentuale di umidità fino al 25.

L’impianto è onnivoro (multi-biomassa).

Minori costi legati al reperimento, trattamento ed essiccazione della biomassa.

Maggiore facilità nel reperimento della biomassa.

  • COSTI DI CONSUMO
0
kg di biomasse ogni ora
0
tonnellate all'anno
0
ore di funzionamento
0
kwh
di produzione elettrica annua
0
kwt/h
di produzione termica annua

CIPPATO

PELLET

GUSCI

VINACCE

DIMENSIONI DEL PRODOTTO INSERITO

La dimensione ottimale del cippato, in termini di granulometria, può essere variabile ma comunque tra 1 e 6 cm di lunghezza.

CARATTERISTICHE

Il potere calorifico limite della biomassa in ingresso non può essere inferiore ai 1900 Kcal/kg considerando ovviamente una biomassa avente un alto tenore di umidità.

ONNIVORO

Pirogass è onnivoro perchè in grado di processare diverse tipologie di biomassa di origine vegetale caratterizzate da un alto tenore di lignina.

16/06/2017

FOCUS SULLA SICUREZZA: i principali rischi potenzialmente presenti in un impianto a Syngas

A seconda della tipologia di processo da cui ha origine, e in particolare dalla scelta della biomassa e dell’agente ossidante, la composizione del syngas in uscita dal reattore può variare notevolmente, ma non così tanto in termini di natura chimica dei componenti principali. Vediamo più in dettaglio quali sono questi componenti e le loro caratteristiche: • Azoto (N2): è indubbiamente il componente più abbondante in quei processi che utilizzano aria come agente ossidante; è un gas inerte, cioè poco reattivo, […]
26/05/2017

Nuova vita per gli scarti vegetali

Il 10 Agosto 2016 è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.186 la L. 154/2016, nota come Collegato agricolo. Tale legge ha l’obiettivo di semplificare e razionalizzare ma soprattutto ricercare competitività in un settore che sta attraversando una fase di indubbia crisi. Il rilancio del settore ha bisogno di fattivi interventi che operano nella realtà operativa dei coltivatori come ad esempio, la previsione contenuta nell’articolo 41 del Collegato agricolo con cui di fatto vengono sgravati i produttori agricoli di un costo, […]
26/04/2017

Il punto sulle energie rinnovabili

Dal settore agricolo possono derivare grandi quantitativi di biomasse destinabili ad uso energetico, valorizzando determinati residui colturali che altrimenti costituirebbero solamente un onere per il loro trattamento e gestione. I fattori di forza di tale risorsa risiedono principalmente nelle caratteristiche chimico-fisiche, nella consistenza in termini quantitativi, nella distribuzione, pressoché ubiquitaria e infine, cosa importante anche se ovvia, è che la loro produzione non va ad intaccare minimamente le superfici destinate ad uso alimentare da cui deriva. Come ben noto il […]

Per maggiori informazioni compilare il form o scrivere a

Accetto la privacy policy del sito web

Privacy Policy